Sorelle Missionarie della Famiglia Ferita

Suor Josipa Kordić è la fondatrice della Comunità delle Suore Missionarie della Famiglia Ferita. Il 1994 è considerato l’anno della fondazione di questa Comunità e come tale rappresenta anche l’anno che è stato proclamato da parte del s. Giovanni Paolo come l’anno della famiglia. Suor Josipa Kordić ha vissuto un periodo lungo della sua vita a Roma ed è stata più volte ospitata all’udienza del Papa Giovanni Paolo.

Fu proprio Papa Giovanni Paolo a darle spinta in merito alla fondazione della Comunità delle Suore Missionarie della Famiglia Ferita.

Interpellava molte persone spirituali ma per lo più il vescovo Ivan Diaz che si può considerare il suo Padre Spirituale. Inoltre, anche il vescovo di Mostar, dott.Ratko Perić ha partecipato nella creazione del nome della Comunità.

Dopo un lavoro esaustivo e duro causato dagli scontri bellici, suor Josipa Kordić morì nel 2003 ammalata di cancro. Dopo la sua perdita è rimasta la Comunità composta da 5 suore e dal Centro della Famiglia Papa Giovanni Paolo II a Vionica, nei pressi della parrocchia di Međugorje.

Comunità delle Suore Missionarie della Famiglia Ferita gestisce attualmente:
1. Associazione Umanitaria “Marija Vrata Nebeska”, Vionica bb, 88260 Međugorje BiH 
2. Casa di riposo per gli anziani e gli infermi “Ivan Pavao II”, Vionica bb, 88260 Međugorje BiH 
3. Casa per bambini senza cure parentali "IVAN PAVAO II", Vionica bb, 88260 Međugorje BiH

Italian

Body 2: 

La Comunità delle suore aveva la tradizione nel dare assistenza e rifugio ai bisognosi anche prima di essere ufficialmente fondata e governata da suor Josipa.

Bisogna ricordare che il motto della suora Josipa fu: “Accorgersene dei bisogni degli altri” (“Primijetiti potrebe drugog”). Grazie a questo motto dott. fra Iko Skoko ha scritto la biografia della s. Josipa sotto il seguente titolo: “Primjetiti potrebe drugog”.

È da menzionare anche il noto evento organizzato da parte della suor Josipa (della Comunità) durante il quale circa 1500 mutilati di guerra sono stati trasportati in nave via Mar Adriatico e in seguito in autobus fino a Roma per essere accolti alla celebre udienza dal Papa Giovanni Paolo II. Il discorso fra Papa e questi poveri esseri umani fu tradotto da parte della suora Josipa.

Tutta l’opera della Comunità è basata sulla Provvidenza Divina che attraverso la volontà della buona gente raccoglie le finanze sia nella forma del denaro che nel materiale. È da accentuare che l’aiuto non viene offerto dalle istituzioni statali o sociali.

Vuoi contribuire?

Per un futuro migliore, programmi, progetti e un'istruzione di qualità dei bambini